Condividi!

In questo articolo andremo ad analizzare quali sono i 3 step necessari per poter iniziare fare un iter di colloqui di successo in alcune delle migliori aziende del mondo, stiamo parlando delle big tech americane, anche dette FAANG.

1) Consulenza VS Big Tech

Negli ultimi anni le grandi aziende tecnologiche americane si sono affermate come alcuni dei migliori datori di lavoro al mondo, garantendo ai dipendenti un ottimo equilibrio tra lavoro e vita privata e una retribuzione molto interessante, oltre a corsi di formazione ai vertici dei loro settori. Nell’ultimo articolo abbiamo discusso di come sia possibile entrare nelle società di consulenza, oggi parleremo di come sia possibile trovare lavoro presso alcune delle migliori aziende del settore tecnologico, nel caso in cui questo sia ciò che vi interessa. A differenza delle società di consulenza, le aziende tecnologiche come FAANG (Facebook, ora Meta, Apple, Amazon, Netflix e Google) di solito assumono una percentuale ridotta dei dipendenti da neolaureati, infatti, preferiscono assumere persone con qualche anno di esperienza in più nel settore. Ma non scoraggiatevi! Non è sempre così, ci sono anche molte opportunità per i giovani laureati, ed ecco come ottenere la posizione che avete sempre sognato.

DISCLAIMER: Mentre scriviamo questo articolo Elon Musk è entrato nel mondo dei social media acquisendo Twitter e licenziando circa metà della forza lavoro, nel frattempo Mark Zuckerberg ha deciso di licenziare il 13% dei dipendenti di Meta, prima volta nella storia del gigante dei social media di Menlo Park. Dato che l’economia non è al momento rosea e Meta ha investito molto nella Realtà Virtuale, crediamo che valga la pena prepararsi per le eventuali posizioni aperte che si presenteranno in futuro su questo tema. È molto improbabile che queste aziende non assumano più personale nei trimestri a venire, e comunque ci sono molte altre aziende tecnologiche in cerca di talenti là fuori, quindi basta con le chiacchiere e iniziamo.

Come spiegato in precedenza, le aziende tecnologiche di solito si comportano in modo diverso dalle società di consulenza. A differenza del settore della consulenza, in cui si entra come generalisti, quindi senza una vera e propria specializzazione, le aziende tecnologiche assumono per ruoli specifici, quindi è fondamentale individuare il ruolo giusto che si adatta al vostro profilo per poter essere competitivi e soddisfare le aspettative delle aziende. Inoltre, le aziende tecnologiche differiscono nel loro processo di assunzione e spesso assumono per alcune posizioni che vanno di pari passo con le tendenze e le opportunità di business, come ad esempio negli ultimi anni per i could specialists. Un’altra grande differenza è che le posizioni tecniche e quelle legate al business non sono correlate. A differenza della consulenza, dove anche chi ha studiato fisica o matematica può candidarsi per una posizione di generalista per iniziare a lavorare nel mondo degli affari, nelle aziende tecnologiche è più probabile che si debba competere con qualcun altro che ha un background simile al proprio, poiché le descrizioni del lavoro sono generalmente alla ricerca di alcune competenze specifiche. Tuttavia, ci sono alcuni aspetti in cui possiamo trovare delle somiglianze. Innanzitutto, il settore è molto competitivo come quello della consulenza. Quindi non aspettatevi che il processo di colloquio sia facile… dovrete prepararvi….vedremo come nel prossimo paragrafo!

Un altro aspetto in comune con la consulenza è quello delle modalità di accesso ai colloqui. Come in tutte le aziende, è possibile mandare il proprio CV tramite il portale delle application e aspettare un feedback dall’HR per sapere se si è stati selezionati e affrontare i colloqui. Altrimenti, anche nelle grandi società del tech sono attive delle referral policies, in cui un dipendente interno sponsorizza alle risorse umane il profilo che considera valido per coprire una determinata posizione. Solitamente però non è semplice conoscere persone che lavorano all’interno un azienda se non per canali diretti propri, o eventi in cui sia possibile fare networking. Proprio per questo noi del team di SuitUp abbiamo deciso di metterti a disposizione le nostre conoscenze e metterti a dispozione la possibilità di ottenere un referral candidandoti attraversato la pagina che abbiamo creato sul nostro sito. Sei interessato/a capire come funziona, manda la tua candidatura e ottieni un feedback da parte degli impiegati delle aziende che abbiamo selezionato, è gratis!!

2) I 3 step per prepararsi ai colloqui


Se quindi riuscirete ad accedere allo step dei colloqui (speriamo tramite il nostro sito) sarà necessario prepararsi dato che per poter entrare in queste aziende gli step di selezione sono molti, e spesso la competizione è molto alta. Quindi vediamo adesso quali sono i 3 STEP utili per prepararsi al meglio ai colloqui. 

1. Ricerca l’azienda

Sia che vi stiate preparando per un colloquio presso le aziende FAANG o qualsiasi altra azienda rinomata come Adobe, Twitter, ecc. – la prima cosa da fare è fare un’adeguata ricerca sull’azienda, sul profilo professionale desiderato e comprendere chiaramente il processo di colloquio. Dovete conoscere i prodotti o i servizi principali dell’azienda, la cultura del lavoro, le competenze che cercano in un candidato per quel particolare profilo professionale, il numero di colloqui che spesso conducono, ecc. Così facendo, non solo vi troverete in una posizione comoda per prepararvi al meglio al colloquio, ma aumenterete anche la vostra fiducia in voi stessi per superare i colloqui con FAANG. Nel frattempo, vi diciamo che in FAANG e in altri colossi di questo tipo si svolgono generalmente 5-7 colloqui, a seconda di posizione e seniority.

Nei settori tecnologici le aziende cercano caratteristiche molto specifiche per i nuovi assunti, poiché si aspettano che si integrino facilmente con i colleghi. L’attitudine al lavoro di squadra, ad esempio, è un attributo molto importante che FAANG solitamente ricerca. Per essere più specifici, Google, ad esempio, nella valutazione dei profili cerca la “Googliness”, che è definita da un insieme di caratteristiche personali che fanno di voi un buon candidato per l’azienda. Sebbene sia difficile definire il termine, data il collegamento concreto con Google, è possibile trovare online alcune interviste di ex-dipendenti che cercano di descriverne il significato. Ad esempio, in questo articolo di BusinessInsider sono elencate 13 caratteristiche tra cui possiamo riconoscere:

  • Tenere d’occhio gli obiettivi.
  • Essere proattivi.
  • Fare il miglio in più.

Da queste definizioni possiamo evincere che Google, oltre a profili di alto livello analitico, è alla ricerca anche di una mentalità imprenditoriale. Così ognuna delle aziende riferimento del mondo tech ha delle caratteristiche ben definite che ricerca nei candidati sulla base delle caratteristiche dei dipendenti che hanno maggior successo. Sta a voi fare le ricerche al meglio e capire come il vostro profilo si integri con i valori che l’azienda cerca per poi raccontarlo in fase di colloquio!

2. Preparati ai business case

Non importa quanto siate preparati per un colloquio, ma nessuno è immune dal commettere errori. I colloqui di prova rappresentano un ecosistema in cui è possibile analizzare le proprie capacità tecniche e di conversazione. Vi daranno spazio sufficiente per commettere errori e imparare da essi. I colloqui di prova professionali sono l’opzione migliore. I selezionatori tecnici e i responsabili delle assunzioni di queste organizzazioni sono dotati di grande esperienza e conoscenza. Alla fine di questi colloqui simulati, otterrete un feedback costruttivo da questi esperti. Ma se non siete in grado di rivolgervi a un professionista, anche la vostra famiglia e i vostri amici possono aiutarvi in questo senso. I colloqui simulati non solo aumenteranno la vostra fiducia in voi stessi, ma vi aiuteranno anche a individuare i vostri punti di forza e le vostre carenze.

3. Preparati ai colloqui comportamentali

Un ulteriore aspetto importante quando state per affrontare il processo di recruiting per un’azienda che lavora nell’alta tecnologia è l’aspetto comportamentale. Per prepararvi ai colloqui comportamentali potete utilizzare il metodo STAR, una tecnica che vi aiuta a strutturare le risposte alle domande dei colloqui comportamentali. Con questo metodo si crea un arco narrativo intenzionale che l’intervistatore può seguire facilmente. Ecco come funziona:

Situation (Situazione)

Qual è il contesto della vostra storia? Nel definire la situazione, state dicendo a chi vi ascolta quando o dove si è svolto l’evento. Ad esempio, “Stavamo lavorando a un contratto di sei mesi per un cliente di alto valore quando la nostra agenzia si è fusa con un’altra azienda più grande…”.

Task (Compito)

Qual è stato il vostro ruolo in questa situazione? Ad esempio, “Il mio ruolo è stato quello di guidare la transizione per il mio gruppo e di comunicare con il cliente per mantenere il progetto in linea”.

Action (Azione)

Che cosa hai fatto? Per esempio, “Ho organizzato dei check-in settimanali con il cliente per aggiornarlo sui progressi della fusione. Questo ha consolidato un importante livello di fiducia tra noi. Ho anche avuto regolari incontri individuali con ogni persona del team, sia per valutare come stavano gestendo il cambiamento, sia per assicurarmi che avremmo rispettato le scadenze”.

Result (Risultato)

A cosa hanno portato le vostre azioni? Per esempio: “Abbiamo finito per completare il progetto in tempo, rispettando tutte le loro specifiche. È stato incredibilmente gratificante gestire molti cambiamenti e avere successo sotto pressione”.

3) Sfrutta la tua opportunità!


Ora il mondo delle big tech dovrebbe essere più chiaro per te almeno dal punto di vista del recruiting. Essere in grado contestualizzare e capire il settore per cui si applica può fare la differenza in sede di colloquio, ed eventualmente far risparmiare tempo nel caso in cui l’industria non risulti poi così attraente. Il team SuitUp resta a vostra disposizione nel caso in cui voleste provare ad entrare in una di queste aziende tramite il nostro network di referrer interni alle società di consulenza e big tech o per prepararvi al colloquio insieme a noi!

Infatti, noi di SuitUpBlog abbiamo deciso di mettere a disposizione il nostro network per farti aumentare le chance di essere assunto dalla top azienda dei tuoi sogni. Come? Segui i semplici step che ti vengono suggeriti qui. Stai per accedere ad una opportunità che fino a poco tempo fa era riservata a pochi.

Cos’altro stai aspettando? Inizia il processo di Referral e ottieni l’assunzione nella top company dei tuoi sogni.

3, 2, 1 ... INIZIA!
4



E tu conoscevi già il programma referral? Faccelo sapere nei commenti qui sotto e leggi il prossimo articolo “COLLOQUI in CONSULENZA: 5 Step per superarli facilmente!” su SuitUpBlog 🙂

Condividi!