Condividi!

Scopriamo i 6 migliori film attualmente in circolazione per chi ama il mondo dell’imprenditorialità e del business 

1) Introduzione


“Sono convinto che circa la metà di quello che separa gli imprenditori di successo da quelli che non hanno successo sia la pura perseveranza.” – Cit. Steve Jobs


Più d’impatto di un corso di formazione, più divertente di un libro, più rapido di uno stage. Il film adatto può darci l’idea giusta. Regalarci una consapevolezza. Farci svoltare.
Questo è il motivo per cui è bene iniziare a sfruttare alcuni capolavori selezionati dei migliori registi del mondo per imparare l’arte dell’imprenditorialità e del business in modo rapido e divertente. Il linguaggio cinematografico infatti è per lo più metaforico, quindi di grande ispirazione per imprenditori, startapper ed innovatori sempre alla ricerca di nuove idee di successo che possono emergere osservano le sfide affrontate da altri.  Un film smuove emozioni profonde che fanno agire, dunque godetevi lo spettacolo e iniziate ad agire!

scene

2) I 6 Migliori Film per Imprenditori


Di seguito vengono riportati 6 dei migliori film in circolazione per tutti coloro che amano il mondo dell’imprenditorialità e del successo personale:

1) THE FOUNDER

Trama: Ray Kroc è un rappresentante di frullatori di poche ambizioni dell’Illinois nell’America degli anni ’50. Un giorno si imbatte in un chiosco di hamburger dei fratelli Dick McDonald e Mac McDonald in Sud California. Da lì gli viene l’idea di aprire una catena di ristoranti – i fast-food – che vendono soltanto panini con hamburger. É la nascita di McDonald’s. Ray Kroc colpito dal sistema veloce nel vendere il cibo e visto il potenziale per un franchise, è riuscito con qualche manovra a guadagnare una posizione tale da essere in grado di togliere la società dal controllo dei due fratelli e creare un impero da miliardi di dollari.

Commento
: Ci sono film che valgono più di decine di saggi per spiegare come “funziona” una società che consente di depredare legalmente delle persone permettendo a chi compie l’operazione di arricchirsi a dismisura grazie all’intuito e al fiuto per gli affari di cui è dotata, e The Founder è sicuramente uno di questi. Per approfondire il tema, da non perdere è il libro “La vera storia del genio che ha fondato McDonald’s” di K. Ray;


2) THE SOCIAL NETWORK

Trama
: 2003, Università di Harvard. Lo studente nerd Mark Zuckerberg, appena mollato dalla ragazza, decide di vendicarsi su un sito web dove gli studenti possono dare voti alle ragazze. Da qui partorisce l’idea di un social network che sia accessibile a tutti, e non soltanto agli studenti di Harvard. Il sito prende inizialmente il nome di “The facebook“. Ignorando del tutto le accuse, da parte dei gemelli Winklevoss, che lo accusavano di plagio dell’idea, Zuckerberg si trasferisce a Palo Alto, dove, assieme al co-fondatore di Napster Sean Parker, renderà Facebook quello che è oggi. Nonostante il successo planetario del social network, Mark resta un ragazzo solo, frustrato ed incapace di intraprendere relazioni.

Commento
: Paradossale è la storia di Mark Zuckerberg, l’uomo che ha dato alla parola “amico”/”amicizia” un altro significato, più allargato e lieve, alla fine della sua ascesa economica e sociale è solo. Questo film ci insegna che fama e ricchezza non sempre sono sinonimo di felicità. The Social Network si basa sul libro di Ben Mezrich, “Miliardari per casoL’invenzione di Facebook”. Questo racconta proprio tutto ciò che circonda la storia della nascita di Facebook, tra soldi, sesso, genio e tradimento;


3) THE BIG SHORT

Trama
: Nell’anno 2005, il mercato immobiliare americano appariva più stabile e florido che mai. Chiunque chiedesse un mutuo, preferibilmente a tasso variabile, era quasi certo di ottenerlo. Per questo, quando Michael Burry si presentò in diverse banche per scommettere sostanzialmente contro l’andamento del mercato, nessuno gli negò la possibilità di farlo, e anzi gli risero alle spalle. Michael Burry, però, aveva visto quello che il mondo non vedeva ancora: una pericolosa e crescente instabilità del sistema, peggiorata dalla vendita smodata di pacchetti azionari pressoché nulli, etichettati in maniera fraudolenta. Il film racconta dunque la scoperta più o meno contemporanea da parte di alcuni uomini della gigantesca “bolla” cresciuta in seno al mercato immobiliare e destinata a scoppiare un paio d’anni dopo con effetti disastrosi.

Commento
: Scommettere contro il sistema e guadagnarci. Questo è quello che ha dimostrato questo film a tutti noi. Non è necessariamente un bene uniformarsi a ciò che ci circonda, ma piuttosto ragionare con la propria testa ed essere delle persone “fuori dagli schemi” alle volte può risultare una fortuna. Film basato sul libro di M. Lewis, “The Big Short – Il grande scoperto”;


4) THE WOLF OF WALL STREET

Trama
: New York, anni ’80. La pellicola narra l’ascesa e la caduta di Jordan Belfort, spregiudicato broker newyorkese interpretato da Leonardo DiCaprio. Eccessi e corruzione segnano la curva discendente della brillante carriera di Jordan Belfort, in grado di guadagnare migliaia di dollari al minuto e di spenderne altrettanti in droga e futilità.

Commento
: Il mondo degli investimenti può essere una giungla, complicato e pieno di insidie di ogni tipo, per questo tale film è da vedere e rivedere per non trovarci del tutto impreparati di fronte ai lupi che ci sono là fuori, pronti a venderci qualsiasi cosa pur di ottenere un profitto personale. Per approfondire il tema, dà non perdere è il libro “Il libretto rosso del lupo di Wall Street” di J. Belfort;


5) STEVE JOBS

Trama
: È il 1984 e manca pochissimo al lancio del primo Macintosh. Poi sarà la volta del NeXT nel 1988 e del iMac nel ’98. Scortato dal suo braccio destro, la fedelissima Joanna Hoffman, nel backstage che muta col mutare dei decenni e dei costumi, Steve Jobs affronta gli imprevisti dell’ultimo minuto, immancabili contrattempi che si presentano sotto forma di esseri umani e rispondono al nome di Lisa, sua figlia, di Chrisann Brennan, la madre di Lisa, Steve Wozniak, il partner dei leggendari inizi nel garage di Los Altos, John Sculley, CEO Apple, Andy Hertzfeld, ingegnere del software. In sintesi, il film racconta la vita del brillante e appassionato imprenditore, la cui genialità ha dato il via alla rivoluzione digitale che ha cambiato per sempre il nostro modo di vivere e comunicare.

Commento
: Essere uno dei più grandi imprenditori e creativi di tutti i tempi non è abbastanza, come esseri umani è fondamentale bilanciare ciò che la mente ci spinge a fare (creatività, innovazione) e il cuore, attraverso il quale creiamo relazioni, amori che ci rendono parte di una comunità. Questo non è il caso di Jobs, composto al 100% da pura genialità che lo rende “diverso”. Soppesare mente e cuore ci rendono persone “felici”, mentre gli eccessi in ambo le direzioni ci rendono “unici” ma non sempre felici. Per approfondire, dà non perdere è il libro “Steve Jobs” di W. Isaacson;


6) THE PURSUIT OF HAPPYNESS

Trama
: Nel 1981 a San Francisco, Chris Gardner cerca di sbarcare il lunario vendendo una partita di scanner per rilevare la densità ossea, acquistata con i risparmi di una vita. Le vendite tuttavia scarseggiano: molti medici ritengono il macchinario eccessivamente costoso e, tutto sommato, inutile. La situazione economica si fa sempre più disperata per Chris e la sua famiglia, composta dalla moglie Linda e dal figlio Christopher. Sembra non esserci alcuna soluzione per uscire da questa situazione finanziaria precaria, eppure il figlio Christophern crede fermamente nelle capacità del padre il quale non lo deluderà.

Commento
: Lungo il percorso di un imprenditore di successo il fallimento e gli errori sono all’ordine del giorno. Troppo spesso, purtroppo, viene mostrato solo il lato scintillante legato al successo, ma non la grande fatica e difficoltà che ne sta dietro. Film ispirato alla vita di Chris Gardner, imprenditore milionario, che durante i primi anni ottanta visse giorni di intensa povertà, con un figlio a carico e senza una casa dove poterlo crescere.


Qual è il film che ami di più tra i 6 sopra citati? E perché?

Dicci la tua nei commenti qui sotto e leggi l’articolo “I 10 Migliori Libri per Investitori” su SuitUpBlog 🙂
Articolo redatto dal consulente digitale Leonardo Papaveri!