Condividi!

Il risparmio in Italia? Una certezza. Scopriamo 15 semplici e pratici metodi per risparmiare soldi ogni mese che forse non conosci

1) Il Risparmio in Italia


In economia, il risparmio è la quota del reddito di persone, imprese o istituzioni che non viene spesa nel periodo in cui il reddito è percepito, ma è accantonato per essere speso in un momento futuro. Il risparmio è dunque un sacrificio che un individuo compie nel periodo presente, in vista di poter disporre di maggiori risorse in un momento futuro. Secondo J. Keynes, le principali motivazioni che spingono un individuo ad attua un comportamento da “risparmiatore” sono:

  • Risparmio di tipo precauzionale: per far fronte a spese impreviste (es. malattia, crisi economiche);
  • Risparmio legato al sistema pensionistico: per garantirsi un reddito addizionale rispetto alla mera pensione di vecchiaia (es. fondi pensione);
  • Risparmio in ottica di eredità: per lasciare ai propri cari un piccolo/grande patrimonio;
  • Risparmio in ottima di investimento: per investire i propri risparmi in un’attività economica piuttosto che nell’acquisto di un bene durevole.  

Gli italiani sono storicamente degli ottimi risparmiatori, basti pensare che nel 2019 i risparmi degli italiani sono cresciuti di 45 miliardi di euro, arrivando così a 4.445 miliardi. È proprio per questa nostra capacità intrinseca che, nonostante il nostro paese abbia dovuto subire numerose crisi economiche e finanziarie, siamo sempre riusciti ad uscirne in un modo o nell’altro. Purtroppo però, i dati scaturiti da un’indagine svolta da MilanoFinanza hanno dimostrato che degli ultimi anni in Italia c’è stata una notevole riduzione della propensione media al risparmio da parte delle famiglie italiane. Infatti, a partite dal post-crisi del 2008, i consumi medi delle famiglie sono aumentati notevolmente senza però bilanciare tali spese con un buon grado di risparmio. Dal 2008 al 2018 il risparmio lordo pro-capite ha perso il 20%, mentre nello stesso arco temporale la Francia ha guadagnato il 17,21% e la Germania il 41,28%.

propensione al risparmio
Questi dati ci mostrano chiaramente come noi italiano stiamo di anno in anno perdendo sempre di più la nostra propensione al risparmio. Segnali di ripresa sembrano esserci dal 2019-2020 paradossalmente grazie alla grave pandemia COVID-19 che ha colpito duramente il mondo intero. Gli italiani sono tornati a risparmiare, presi dal panico e dalla forte paura che questo virus ha portato con sé. I sondaggi svolti da Prometeia e da Anima durante le prime settimane della pandemia sottolineano una fortissima propensione all’accumulo e alla ricerca del rischio zero, anche da parte delle famiglie con più possibilità economiche e attitudine a rischiare.
Per capire come le risorse e i risparmi delle famiglie italiane vengono allocate, ci rifacciamo ad una analisi di FABI (federazione autonoma bancari italiani), la quale ci indica che: – è salito di 56 miliardi il saldo dei conti correnti bancari; – di oltre 25 miliardi è aumentata la quota di investimenti in polizze assicurative e fondi pensione; – risultano in calo gli investimenti in titoli pubblici (Bot e Btp) il cui peso è sceso di circa 33 miliardi; – risultano in calo gli investimenti in azioni, il cui peso si è ridotto di circa 16 miliardi. Per maggiori informazioni si rimanda alla tabella di dettaglio di seguito riportata.

rsp

2) Metodi per risparmiare soldi ogni mese


Di seguito vengono riportati 10 semplici e pratici metodi per risparmiare soldi ogni mese che forse non conosci:

  1. BUDGET MENSILE: La regola principale di ogni buon risparmiatore è quella di tenere sotto controllo le proprie entrate e uscite di cassa. Per fare ciò risulta essere molto utile crearsi un “Budget Personale” mensile nel quale andrete a tenere traccia di ogni spesa sostenuta suddivisa per categoria (Casa, Divertimento, Trasporti, ecc.) e di ogni entrata. Il Budget potrete costruirlo direttamente voi in un semplice foglio Excel oppure utilizzare varie app dedicate al risparmio come OVAL;
  2. REGOLA 50-30-20: Una volta che avrete creato il vostro budget personale e riuscirete a monitorare ogni vostra operazione in entrate e uscita, potrete iniziare a seguire una delle regole cardine di ogni ottimo risparmiatore, la regola 50-30-20. Quest’ultima prevede si dividere le vostre entrate mensili nel seguente modo: – 50% per le “Spese necessarie” (es. bollette, cibo, trasporti); – 30% per il “Piacere e Tempo libero” (es. ristorante, sport, shopping); – 20% per il “Risparmio” (es. fondo di emergenza)
  3. OBITTIVI DI RISPARMIO: Fissarci degli obiettivi è fondamentale sia nella vita di tutti i giorni per raggiungere i nostri scopi personali (es. lavoro dei nostri sogni), sia in campo finanziario così da “forzare” noi stessi a risparmiare di più per poterci permettere in un momento futuro un determinato prodotto/servizio desiderato;
  4. MINIMALISMO: Il segreto di un buon minimalista non è quello di “tirare la cinghia” in ogni aspetto della nostra vita, quanto piuttosto possedere poche cose (essenziali) ma di qualità; infatti è cosa provata il fatto che la qualità anche se costosa ha un ritorno in termini di affidabilità e durabilità. Inoltre, cercate di non seguire le mode o i trend del momento, piuttosto scegliete i prodotti/servizi da acquistare sulla base delle vostre personali valutazioni e gusti. Per approfondire clicca qui;
  5. USATO: Acquistare prodotti di seconda mano non è assolutamente cosa sbagliata ai giorni d’oggi, infatti in molti marketplace si possono trovare ottimi prodotti di qualità in buono stato. Dunque, perché spendere di più per qualcosa che possiamo avere a meno? Prima di acquistare un prodotto totalmente nuovo, date un’occhiata al marketplace di Facebook o piuttosto apps come Shpock e Depop;
  6. ACQUISTARE ONLINE: Al giorno d’oggi sul web si può trovare qualsiasi cosa, molto spesso è facile reperire una più ampia gamma di offerta di prodotti/servizi a costi inferiori rispetto che ai venditori fisici. Il più semplice ed immediato esempio è Amazon;
  7. KEEPA: Per gli amanti degli acquisiti tramite Amazon, questo tool fa proprio al caso vostro. Keepa è un’estensione del browser che, una volta scaricato, vi permetterà di tenere traccia di tutti i prezzi passati per ogni categoria di prodotto venduta su Amazon. Questo strumento vi risulterà molto utile per capire se il prezzo al quale state per acquistare un determinato prodotto sia un prezzo equo, scontato o eccessivo rispetto alla media. Potete persino farvi inviare una notifica quando il prezzo del prodotto target sarà arrivato al prezzo da voi impostato. Non vi resta che provare;
  8. CODICI SCONTO/TESSERE FEDELTÁ: Le tessere fedeltà o i codici sconto sono uno dei metodi più veloci per risparmiare denaro fin da subito. Esistono dei siti web che offrono degli sconti su prodotti e servizi di ogni genere. Ad esempio in Italia abbiamo: – codicesconto; – groupon;
  9. REGOLA DELLE 24H: Siamo costantemente “bombardati” da pubblicità e annunci di ogni tipo, proprio per questo motivo la nostra mania di acquisto cresce di anno in anno, buona regola è quella di attendere almeno 24h prima di acquistare un prodotto/servizio definitivamente per ridurre l’euforia dettata dall’emozione del momento e salvaguardare il nostro portafoglio;
  10. COSTO/ORE LAVORATE: La maggior parte degli acquisti che facciamo ogni giorno sono i c.d. “acquisiti di impulso”, definiti così in quanto li facciamo senza una vera e propria ragione logica ma di getto. Per evitare questo tipo di acquisto, è bene fermarsi a riflettere un secondo sul valore in termini di ore lavorare che ha quell’acquisto. Ad esempio, se il nostro salario orario è di circa 10 euro l’ora, e il bene che stiamo per comprare ha un costo di 50 euro, la domanda da porsi è: quel prodotto vale 5 ore del mio lavoro giornaliero?;
  11. MANGIARE A CASA: Il cibo di casa è sempre più buono vero? Beh, magari non sarà sempre così ma quello che è certo è che nel mangiare a casa ne gioverebbe senza alcun dubbio il tuo portafoglio oltre che la tua salute. I cibi cucinati al ristorante sono generalmente più grassi di quelli fatti in casa oltre che più costosi dato che il ristoratore dovrà pur guadagnare dal proprio lavoro. Dunque, armatevi di forza e coraggio e iniziate un bel corso di cucina;
  12. COMMISSIONI: Prestate molta attenzione alle commissioni di varia natura che si nascondono ovunque (banche, assicurazioni, tariffe telefoniche, internet). Pensate alle sole commissioni bancarie: commissioni per prelievi, commissioni per bonifici, commissioni di tenuta conto, commissioni per apertura conto corrente, commissioni per acquisto/vendita di prodotti finanziari e così via. La domanda da porsi è: Tu sei sicuro che stai riducendo al massimo questi costi?;
  13. ABBONAMENTI: Con l’avvento degli abbonamenti mensili di pochi euro, le aziende di tutto il mondo stanno letteralmente nuotando nell’oro. Uno dei trucchi di marketing meglio riusciti degli ultimi decenni, infatti un servizio di abbonamento che costa 10 euro al mese non viene considerato “costoso” dal consumatore medio, mentre se si parla di 120 euro l’anno, beh allora il discorso potrebbe cambiare, ma nella realtà sempre degli stessi soldi si tratta! Dunque, state lontani dagli abbonamenti mensili come Netflix, Amazon Prime, Disney Plus ecc. e le vostre finanze vi ringrazieranno;
  14. VIZI: Potrebbe davvero essere il momento giusto per iniziare ad eliminare alcuni dei nostri peggiori vizi dato che da un lato ne gioviamo dal punto di vista fisico e dall’altro ne gioviamo economicamente. Sto parlando di vizi quali il fumo, alcolici e chi più ne ha più ne metta;
  15. GIORNATA ZERO SPESE: A chi non piacciono le sfide? Bene, fissatevi alcuni giorni al mese (es. ogni lunedì del mese) in cui le vostre spese dovranno essere pari a 0. Questo esercizio sarà al quanto sfidante, ma anche piuttosto produttivo per i vostri fondi presenti e futuri, quindi iniziate la sfida e provate ad incrementare i giorni a zero spese di mese in mese.

3) Conclusioni


In conclusione, viviamo in un paese composto ancora da moltissimi buoni risparmiatori rispetto al resto del mondo, e questo dato deve farci riflettere sulle enormi potenzialità che l’Italia ha e potrebbe avere se iniziassimo ad utilizzare i nostri risparmi in maniera intelligente. In effetti, il principale ostacolo in Italia non è la mancanza di denaro o finanziamenti, quanto l’analfabetismo finanziario che riduce notevolmente le nostre possibilità di crescita. Il basso livello di cultura finanziaria si riduce in un grande accumulo di liquidità tra le famiglie che si traduce in cattive scelte di investimento successive. Un primo passo per attenuare la situazione, è quello di aprire i nostri orizzonti e cominciare a sfruttare le enormi potenzialità di internet e dei vari libri di testo per ridurre questo gap conoscitivo rispetto agli altri paesi europei in materia finanziaria. Un secondo passo, è quello di mettere in pratica i 6 metodi descritti nel seguente articolo per aumentare la nostra ricchezza e vivere una vita più serena. Se avete bisogno di supporto tecnico in tal senso, il team SuitUp in collaborazione con il Consulente Fiscale e del Lavoro RagPiattella Paola è a vostra completa disposizione. Di seguito vengono riportati i nostri contatti.


N.B.
Se anche tu sei alla ricerca di un metodo per incrementare la tua ricchezza e cominciare a vivere più sereno, bhè la cosa migliore da fare è quello di iniziare ad attuare dei semplici metodi pratici di finanza personale; a tal proposito il team SuitUp vi suggerisce un libro molto utile per approfondire il tema “Finanza Personale: La guida completa per risparmiare, investire e creare ricchezza” a cura di F. Fiorentini.

Dicci la tua nei commenti qui sotto e leggi l’articolo “5+1 trucchi per accumulare ricchezza” su SuitUpBlog 🙂
Articolo redatto dal consulente digitale Leonardo Papaveri!